HOW DO GOVERNMENT CHOICES AFFECT OUR MOBILITY?

image 58

Circa il 40% delle immatricolazioni bus nel 2020 erano composte da autobus per il TPL. Di questi, il 54% sono autobus urbani e il 46% interurbani.

image 59

Le risorse statali per l’acquisto e la sostituzione dei mezzi di trasporto, nel corso degli ultimi 20 anni, hanno subito una brusca frenata.

Si è passati, infatti, dagli oltre 2.300 mln€ del quadriennio 1997-2011 ai 495 mln€ del quadriennio 2012-2016.

Come si evince da i due grafici esiste una perfetta correlazione tra fondi messi a disposizione alle aziende di TPL per l’acquisto di bus e il numero di immatricolazioni.

Le scelte politiche hanno influenzato e influenzeranno in futuro gli investimenti delle aziende TPL

image 60
image 61
file

Ad oggi, la maggiore fonte di investimenti proviene dal PNRR che contiene, all’intero del pillar “Energia rinnovabile, idrogeno, rete e mobilità sostenibile” da €23,78 miliardi, i fondi dedicati allo sviluppo sostenibile del trasporto locale (€ 3,64 miliardi).

La misura prevede tre interventi:

  • Rinnovo flotta autobus con mezzi a basso impatto ambientale
  • Rinnovo flotta treni per trasporto regionale e intercity con mezzi a propulsione alternativa
  • Rinnovo parco veicoli dei Vigili del Fuoco

Il rinnovo della flotta con autobus a basso impatto ambientale avviene accelerando

l’attuazione del Piano Strategico Nazionale per la Mobilità Sostenibile e prevede il progressivo rinnovo degli autobus per il trasporto pubblico locale e la realizzazione di infrastrutture di ricarica dedicate. In particolare, è previsto l’acquisto entro il 2026 di circa 3.360 bus a basse emissioni. Circa un terzo delle risorse sono destinate alle principali città italiane.

Sono 1,9 miliardi di euro i fondi stanziati dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) per l’acquisto di autobus elettrici e a idrogeno nei grandi Comuni.

Una misura che mira a incentivare la mobilità sostenibile, ovvero il modo di muoversi legato al concetto di sostenibilità territoriale e orientato, quindi, verso la riduzione dei rischi di inquinamento, la salvaguardia della salute e dello spazio pubblico come bene comune, e verso il risparmio energetico. Bus elettrici e a idrogeno possono contribuire a questi scopi.

Questo incentiverà nei prossimi anni la migrazione del trasporto pubblico verso veicoli sempre più sostenibili e green.

I driver che influenzeranno positivamente e negativamente il trend di acquisto degli e-bus nei prossimi 10 anni sono:

image 62
  • Diminuzione progressiva del prezzo della batteria e contestuale diminuzione del prezzo degli autobus elettrici;
  • Stanziamento di fondi statali che incentivano l’acquisto di autobus green 1,9miliardi provenienti dal PNRR;
image 63
  • Aumento della perfomance delle batterie nei veicoli;
  • Graduale adattamento dell’infrastruttura di ricarica lungo i percorsi e nei depositi;
  • Acquisizione di know-how da parte degli operatori;
file
  • Necessità da parte delle aziende TPL di rinnovare il parco:• dal 1 gennaio 2021 eliminazione del rimborso dell’accisa per Euro 4 e inferiori;• dal 2024 stop Euro 3.
image 64
  • Costi degli autobus elettrici attualmente molto elevati;
  • Difficoltà di riciclaggio delle batterie usate: costi elevati, inadeguatezza degli impianti di riciclaggio attuali, normativa europea stringente.

I dati presenti nell’insight sono stati elaborati sulla base di banche dati proprietarie di Basco&T Consulting.

Per maggiori informazioni e approfondimenti contattaci al info@basco-t.com

Authors:

Edoardo Tartaglia

Managing Partner